Calo ponderale

Perdita di peso del bambino grasso. Bambini obesi come perdere peso senza dieta

perdita di peso del bambino grasso

Calo ponderale nel neonato Dopo la nascita, il peso del neonato subisce un netto calo ponderale. Spesso, le mamme confondono questo calo di peso con una situazione estremamente pericolosa, tuttavia, è del tutto normale.

Infatti, il neonato deve abituarsi a un ambiente totalmente diverso da quello costituito da liquido e calore a temperatura costante.

perdita di peso del bambino grasso

Proprio per questo motivo, il neonato perde gradualmente i liquidi e il tessuto adiposo, cioè il grasso. Inoltre, nei primi giorni di vita, non vi è una vera e propria compensazione tra nutrizione, consumo energetico ed eliminazione di feci. Tuttavia, la crescita del neonato diventa costante dopo il decimo giorno di vita.

La dieta vegana è negativa per il metabolismo dei bambini

Le percentili e la tabella di crescita del neonato infatti offrono un chiaro esempio di quanto peso dovrebbe prendere il bambino in un determinato lasso di tempo. È importante ricordare che i bambini non sono tutti uguali e che la loro crescita è del tutto soggettiva e determinata da una moltitudine di fattori, primo fra tutti l'alimentazione. Infatti, se il bambino è alimentato con latte artificiale tenderà ad avere un calo di peso minore e una ripresa più veloce rispetto al naturale allattamento al seno.

perdita di peso del bambino grasso

Poi, durante i sei mesi successivi, il ritmo medio di crescita ponderale è di circa grammi a settimana: si parla quindi di crescita ponderale del neonato. Entro il quinto mese di vita, quindi, il peso sarà già il doppio rispetto a quello alla nascita.

Il ritmo di crescita ponderale di un neonato di solito è massimo fra la terza e la sesta settimana di vita.

perdita di peso del bambino grasso

Diagnosi di calo ponderale Per diagnosticare un dimagrimento improvviso, è importante innanzitutto verificarne la reale esistenza. La diagnosi quindi deve considerare i diversi aspetti della vita del paziente, indagando su evidenti sintomi patologici di calo ponderale, come: febbre.